venerdì 25 aprile 2014

CITAZIONE HELENA - Dal capitolo 2: Un'altra realtà

«Ciao bambolina ti sei svegliata finalmente, accomodati. Per stasera non andrai da nessuna parte», disse in tono amichevole il ragazzo con la felpa grigia e i capelli castani leggermente scompigliati. Dalla felpa, capii che era stato lui a portarmi fuori in braccio dalla stazione di polizia, lui che mi aveva preso delicatamente quando stavo per crollare in quella nube di fumo e di confusione.
«Stai tranquilla, sei al sicuro», continuò dicendo, con uno sguardo buono e le labbra sottili piegate in un mezzo sorriso. Aveva il viso fine e gli occhi scuri dai quali si riusciva a percepire un animo gentile. Mi riavvicinai al letto e presi coraggio: «Chi siete? Che cosa volete da me?» Chiesi con un filo di voce.

Nessun commento:

Posta un commento

Sono ben accetti commenti e condivisioni ツ grazie!